Palio della Balestra GUBBIO - ULTIMA DOMENICA DI MAGGIO 2011

Storia

 

Il Palio della Balestra tra Gubbio e Sansepolcro (Arezzo) si svolge l'ultima domenica di maggio, in Piazza Grande. Viene organizzato dalla Società Balestrieri della Città di Gubbio, nel quadro delle feste in onore del Patrono S.Ubaldo.
La Balestra, citata per la prima volta in Italia ufficialmente in documenti del Concilio Laterano II° nell'anno 1139 che la definì "micidiale", fu un'arma da guerra molto efficace e per questo fu interdetta dai Papi e da Vescovi. Con l'avvento della polvere da sparo, nella seconda metà del 1400, la Balestra perde interesse come arma, ma acquista interesse come strumento di gara.
Il suo fascino, a Gubbio, ha spinto molti giovani fin dal sec. XV a gareggiare fra loro nel tiro a bersaglio con la balestra. Il più antico documento dove si parla del Palio della Balestra è datato 16 maggio 1461: "…la domenica se balestrò el palio…". Ulteriori citazioni sia hanno nel 1508 e nel 1539. Il Palio più antico di cui si ha notizia è quello del 1594 vinto da Andrea Beccafico e Annibale Biscaccianti (secondo).

I rapporti tra Gubbio e Sansepolcro, le due città dove il tiro con la Balestra si è praticato ininterrottamente fino ai giorni nostri, hanno origini antichissime e sono documentati a partire dal 1619, anno in cui i balestrieri di Sansepolcro invitarono quelli di Gubbio, secondo un usanza senz'altro anteriore, al Palio di S. Egidio. L'anno precedente, il 18 maggio 1618, in occasione della visita a Gubbio del giovanissimo e sfortunato Principe Federico Ubaldo Della Rovere (1605-1623), ultimo erede dei Duchi di Urbino "…si tirorno le balestre secondo il sollito e il Sig. Principe stette alla finestra del Palazzo e finito che fu di tirare, callò a basso e volse vedere le balestre et il modo del tirare": evidentemente il Palio era già una importante tradizione!
Il documento più antico finora ritrovato, in cui siano state elencate le regole da osservare nel tirare con la Balestra nella Festa del Protettore S.Ubaldo è del 1650, ma in questo si fa riferimento a regolamenti precedenti. Un nuovo Statuto che regolamenta il "giuoco delle Balestre" è datato 1729. Ulteriori chiarimenti sono aggiunti nel 1748 e nel 1925. Nel 1971 l'Associazione dei Balestrieri di Gubbio ha redatto lo Statuto Sociale della Società rielaborando i vecchi Statuti.
Il 9 gennaio 1999 lo Statuto viene ancora modificato ed adattato alle esigenze dei tempi moderni.

La Gara

La gara consiste nel centrare il bersaglio ("Tasso") con una freccia scagliata da una distanza di 36 metri. Alla gara partecipano la Società dei Balestrieri Eugubina e quella di San Sepolcro. Preceduti dal corteo storico, con vessilli e stendardi, e dall'esibizione di abili sbandieratori, i balestrieri, anch'essi in costume storico, fanno il loro ingresso nella piazza e alla presenza della autorità (Consoli, Connestabile ecc.) inizia la gara. Al vincitore viene assegnato in premio il Palio e fino a sera si festeggia lungo le vie cittadine illuminate da fiaccole, rivivendo in un giorno, le antiche emozioni dei tornei medievali.

fonte: www.eugubininelmondo.it

Dove mangiare a GUBBIO | Dove dormire a GUBBIO
Altri Eventi>>
|     HOME     |     ITINERARI     |     EVENTI     |     DOVE MANGIARE     |     DOVE DORMIRE     |
Provincia di Perugia Provincia di Perugia