Festa patronale di San Valentino a Terni TERNI "città dell'Amore" - DAL 1 AL 28 FEBBRAIO 2011


LA LEGGENDA


Il tentativo della Chiesa cattolica di porre termine ad un popolare rito pagano per la fertilità, è all'origine di questa festa degli innamorati.
Fin dal quarto secolo A. C. i romani pagani rendevano omaggio, con un singolare rito annuale, al dio Lupercus. I nomi delle donne e degli uomini che adoravano questo Dio venivano messi in un'urna e opportunamente mescolati. Quindi un bambino sceglieva a caso alcune coppie che per un intero anno avrebbero vissuto in intimità affinché il rito della fertilità fosse concluso. L'anno successivo sarebbe poi ricominciato nuovamente con altre coppie. Determinati a metter fine a questa primordiale vecchia pratica, i padri precursori della Chiesa hanno cercato un santo "degli innamorati per sostituire il deleterio Lupercus. Così trovarono un candidato probabile in Valentino, un vescovo che era stato martirizzato circa duecento anni prima.
A Roma, nel 270 D. C il vescovo Valentino di Interamna, (oggi è la città di Terni), amico dei giovani amanti, fu invitato dall'imperatore pazzo Claudio II e questi tentò di persuaderlo ad interrompere questa strana iniziativa e di convertirsi nuovamente al paganesimo. San Valentino, con dignità, rifiutò di rinunciare alla sua Fede e, imprudentemente, tentò di convertire Claudio II al Cristianesimo. Il 24 febbraio, 270, San Valentino fu lapidato e poi decapitato. La storia inoltre sostiene che mentre Valentino era in prigione in attesa dell'esecuzione, sia "caduto" nell'amore con la figlia cieca del guardiano, Asterius, e che con la sua fede avesse ridato miracolosamente la vista alla fanciulla e che, in seguito, le avesse firmato il seguente messaggio d'addio: "dal vostro Valentino," una frase che visse lungamente anche dopo la morte del suo autore.

fonte: http://www.italysoft.com

LA BASILICA DI SAN VALENTINO

Dopo la decapitazione di San Valentino, il corpo fu trasportato a Terni e sepolto nella zona dove ora sorge la Basilica, zona in cui sorgeva un cimitero pagano, come dimostrano alcuni reperti e iscrizioni rinvenuti quando nel XVII sec., come scritto nel culto millenario verso San Valentino, si procedette alla ricerca del Santo corpo. Sul cimitero fù eretta una prima basilica, che nel corso dei secoli subì varie vicende, distruzioni e riedificazioni. La facciata seicentesca, l'elegante portale e il grande finestrone centrale sono state risrutturare nel 1854. L'interno è a navata unica, decorata da capitelli ionici con ghirlanda sorreggenti un architrave dentellato; nei muri laterali si aprono due cappelle per lato con eleganti altarei marmorei seicenteschi e pitture ad olio su tela sempre del XVII sec. Nel Coro, in corrispondenza dell'urna che racchiude i resti di S. Valentino, si trova un piccolo altare del XVII sec. racchiude un dipinto su tela ovale raffigurante il Martirio di S. Valentino.

A finaco dell'altare maggiore, accanto a grandi tele di pregio, appare il dipinto "La Madonna appare a S. Valentino"; sullo sfondo della città di Terni vicino a due eleganti torciere in marmo colorato, poste ai lati del presbitero. I reperti dell'area valentiniana sono stati collocati in una stanza attigua, che formano un piccolo museo. Sono presenti iscrizioni e lastre funebri pagane e cristiane, resti di decorazioni architettoniche, un sarcofago di epoca romana empiccoli frammenti ritrovati durante le numerose ristrutturazioni della basilica nel corso dei secoli.

14 FEBBRAIO

Celebrazione del Solenne Pontificale

La tradizionale festa nel giorno del 14 febbraio è rimasta praticamente uguale per tutto il 1900 con l’aggiunta di attività religiose e culturali e sociali durante tutto il mese di febbraio. La mattina alle ore 8:00 suonano a festa le campane della città; Processione: la statua del Santo viene portata in gloria dai pellegrini lungo le vie della città, accompagnato dai cittadini e dalla Banda musicale cittadina, questa iniziativa è stata successivamente abbandonata; Alle ore 11:00 si celebra il Solenne Pontificale celebrato dal Vescovo della città mons. Vincenzo Paglia alla presenza di tutte le autorità civili e religiose, con la presentazione del Gonfalone del Comune e della Provincia, la celebrazione eucaristica viene animata da una corale di grande risonanza nazionale nella quale il vescovo manda un messaggio d'amore.

Fiera di S. Valentino

La fiera di S. Valentino è un appuntamento ormai tradizionale, la sua presenza è ormai un appuntamento che si è ripetuta per tutto il '900 e ancora oggi riscuote notevole successo. Si snoda lungo Viale Trento con circa 300 bancarelle, fino ad arrivare davanti alla Basilica di S. Valentino, si possono trovare abbigliamento, oggetti per la casa e il tempo libero, dai dolci tipici allo zucchero filato. Si svolge durante tutto il giorno del 14 febbraio dalle 8.00 alle 20.00.

Eventi in città

Nel pomeriggio si alternano attività religiose ad attività culturali e sociali dislocate maggiormente nel centro della città fino al Colle Valentiniano dove si svolgono maggiormente attività a carattere religioso.

Fuochi d’artificio dal colle Valentiniano

I fuochi dal Colle Valentiniano chiudono la festa del 14 febbraio, per circa trenta minuti il colle si illumina dai colori più brillanti ai più suggestivi, disegnando nel cielo cuori rossi e mille luci colorati.

EVENTI VALENTINIANI dal 1 al 28 febbraio

Eventi Religiosi

Festa della Promessa

Questa festa viene celebrata la domenica precedente la festa del 14 febbraio, alla celebrazione vengono invitate tutte le coppie di fidanzati che si sposeranno entro l’anno. L’invito è rivolto alle coppie di tutta Italia, che per l’occasione partecipano ad una particolare celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo con la presenza del sindaco, nella quale i fidanzati si scambiano la promessa di matrimonio, in conclusione viene consegnata una pergamena alle coppie e un bouquet di fiori alle future spose.

Festa delle Nozze d'Argento

La ricorrenzasi si volge nella terza settimana del mese di febbraio. Partecipano tutte le coppie italiane che celebrano i 25 anni di matrimonio entro l’anno corrente, la cerimonia consiste in una celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo della città e con la presenza del sindaco. Al termine della cerimonia, viene consegnata una pergamena ricordo di questo giorno alle coppie intervenute.

Festa delle Nozze d'Oro

La ricorrenza si volge nella quarta settimana del mese di febbraio. Partecipano tutte le coppie italiane che celebrano i 50 anni di matrimonio entro l’anno corrente, la cerimonia consiste in una celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo della città e con la presenza del sindaco. Al termine della cerimonia, viene consegnata una pergamena ricordo di questo giorno alle coppie intervenute.

Festa dell'accoglienza

La città dà il benvenuto ai nuovi residenti stranieri arrivati a Terni . Le persone che da fuori Italia si sono trasferite nella nostra città nel corso dell’ultimo anno si ritroveranno per un momento di saluto e di conoscenza. Questa festa vuole mettere in evidenza l’attenzione che la nostra città pone verso i suoi nuovi arrivati. Un incontro che accumuna società civile e religiosa nello spirito di accoglienza che da sempre contraddistingue la comunità e la città di Terni.

Disegni di affettività

Questa attività è organizzata dall’Azione Cattolica Italiana e della Diocesi di Terni Narni Amelia. Si ritrovano a Terni coppie di fidanzati e animatori di gruppi di fidanzati da tutta Italia per questa tre giorni di formazione e riflessione sui temi riguardanti l’affettività. Un appuntamento che riesce a coniugare l’aspetto pastorale con quello della promozione del territorio. Lo scorso anno sono arrivati a Terni per questo appuntamento, che rientra anche nel calendario delle iniziative nazionali dell’Azione Cattolica Italiana, circa 200 persone da 15 diverse regioni. L'iniziativa si svolge presso la casa di accoglienza Villa Santo Spirito.

fonte: http://www.eventivalentiniani.net

torna all'inizio ^


 
Dove mangiare a TERNI | Dove dormire a TERNI
 
|     HOME     |     ITINERARI     |     EVENTI     |     DOVE MANGIARE     |     DOVE DORMIRE     |
Provincia di Perugia Provincia di Perugia